Idee Sommerse

Orrore rivelato

Cerchiamo nuovamente indizi all’interno del monastero.

Tornati negli alloggi di Bonifacio, spostando l’armadio, Simon e Kalin rinvengono la bibbia di Ilmater – probabilmente una copia che Bonifacio aveva sottratto alla biblioteca o che teneva per se’.
La bibbia in se’ sembra essere assolutamente normale, ma all’interno troviamo varie lettere e un foglietto contenente un rito di evocazione.

In una lettera si fa riferimento al fatto che un regalo servisse ad aprire porte per altri mondi con la raccomandazione di non essere avventato.
La seconda lettera recita: “Le parole, se usate male, possono richiamare incubi”.
L’ultima lettera contiene infine un ammonimento: “Semina la conoscenza del male, ma sii cauto con chi sceglierai come tuo accolito”.

Kalin trova un doppiofondo nella cassapanca.

Scendendo dalla scala nascosta dal doppiofondo della cassapanca, in una stanza grezzamente scavata, troviamo un’altare di pietra e uno scrigno, che apriamo grazie alla chiave rinvenuta nel monile – l’amuleto della Sferae Mortis trovato addosso alla prostituta di Tellyn.

Lo scrigno contiene un libro intitolato Sapientia Maglorum e un fodero di legno per un pugnale.
Simon, dopo essersi appartato con Leif, decide di prendere in consegna il libro.

Usciti dalla botola e tornati nelle stanze di Bonifacio, Leif si accorge che qualcuno, un monaco, stava osservando i nostri movimenti, ma pur uscendo di corsa non riesce ad individuare la figura.

Cerchiamo di stanare il colpevole facendo annunciare pubblicamente, durante la messa serale, che abbiamo trovato uno scrigno ma non abbiamo la chiave per aprirlo, ma nessuno abbocca alla nostra esca.

Decidiamo quindi di recarci sul luogo del delitto, il posto in cui e’ stato rinvenuto il cadavere di Bonifacio.
Arrivati sul posto, troviamo in una radura un altare di legno.
Mentre Leif perlustra la boscaglia, si imbatte in una creatura demoniaca. La creatura, una bestia quadrupede con un tentacolo al posto della testa e della coda ed una bocca tondeggiante piena di denti, percepisce la nostra presenza e si dirige verso di noi.

Tentenniamo, terrorizzati dalla sua visione ed indecisi sul da farsi, e cerchiamo di arretrare per vedere se il demone dovesse mollare la presa, ma questo non avviene. Decidiamo quindi di ingaggiarla – non possiamo permettere che una “cosa” simile ci segua fino al monastero.

Il combattimento ci mette a dura prova. Simon, in un tentativo disperato, consegna il Sapientia Maglorum a Fynk, nella speranza che al suo interno trovi qualcosa che possa fermare il demone.- ma nemmeno la conoscenza del mago e’ in grado di decifrare le scritte contenute nelle sue pagine.

Dopo aver abbattuto Simon e ridotto in fin di vita Leif, la creatura viene infine uccisa da un ultimo incantesimo di Fynk, e muore sciogliendosi nel terreno sottostante.

Comments

Alessandro_Master sh0uzama

I'm sorry, but we no longer support this web browser. Please upgrade your browser or install Chrome or Firefox to enjoy the full functionality of this site.